19/08/19

I dwell in Possibility


Io abito nella Possibilità
una casa più bella della prosa
più ricca di finestre
superiore – come porte –
 con camere simili a cedri,
insondabili con gli occhi
e come eterno tetto
la volta a mansarda del cielo –

visite – le più belle
come lavoro – questo –
spalancare le mie piccole mani
per accogliere il Paradiso.


I dwell in Possibility -                                                                                 
A fairer House than Prose-                                                   
More Numerous of Windows-
Superior -for Doors-

Of Chambers as the Cedars -
Impregnable of Eye -
And for an Everlasting Roof -
The Gambrels of the Sky -

Of Visiters- the fairest-
For Occupation - This-
The Spreading wide my narrow Hands
to gather Paradise


2 commenti:

  1. La tua casa è splendida Lisa!
    Sa di buono e di fresco e di corteccia e di verde. Ma anche di cielo. Grazie

    RispondiElimina
  2. Benvenuta, Patrizia Grata per le tue parole e per la poesia con cui scrivi

    RispondiElimina